Come pulire il piano cottura in vetro

<span class='p-name'>Come pulire il piano cottura in vetro</span>

Pulire il piano cottura? Nulla di più semplice con gli strumenti giusti a disposizione!

Pulire il piano cottura e renderlo scintillante può sembrare, al primo impatto, un lavoro duro e faticoso, sopratutto dopo un pranzo o una cena per i quali è stata impiegata una quantità smisurata di piatti, pentole e stoviglie.

E se provassimo a trasformarlo in un’attività così semplice e veloce da poterla ripetere senza stress ogni volta che lo si ritiene necessario?

La cena è finita, i piatti sono in lavastoviglie ma il piano cottura è coperto di resti di cibo, macchie di olio e ditate. Come affrontare il compito in maniera super veloce?

La soluzione migliore, a meno che tu non abbia davvero tempo, è innanzitutto quella di pulire il piano cottura immediatamente ogni volta che lo usi. Se lo sporco è ancora “fresco”, infatti, è più facile, rimuoverlo rapidamente utilizzando prodotti dedicati, come ad esempio il panno in microfibra per i vetri, perfetto per tutte le superfici riflettenti grazie all’assenza di aloni dopo l’utilizzo, o lo sgrassatore multiuso profumato, perfetto anche con lo sporco più aderente.

Con qualsiasi piano cottura in vetro (ma il discorso vale anche nel caso in cui sia in ceramica) inoltre è ancor più importante pulire immediatamente sopratutto nel caso in cui sia caduto un po’ di zucchero o di sale che può cristallizzare e danneggiare il piano di cottura.

E se ci sono macchie tenaci che non vogliono saperne di andare via? Per non danneggiare il vetro un’idea potrebbe essere quella di utilizzare una spugna Antigraffio Inox realizzata con Fibra antigraffio Heavy Duty. Grazie alla sua particolare trama rimuove qualunque tipo di sporco, senza abradere la superficie.
Soluzioni per conservare il piano cottura in maniera ottimale nel corso degli anni, insomma, non è un’impresa impossibile. Perché rinunciare ad una comodità del genere?